Studio Specialistico di Gastroenterologia - Dott. Francesco Quatraro - Gastroenterologo ed Endoscopista Digestivo - Acquaviva delle Fonti - Bari - UNREGISTERED VERSION

Horloge pour site Orologi per siti
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Proctiti

Gastroenterologia > Malattie Intestinali > del Retto

La proctite è un processo infiammatorio a carico della mucosa rettale, ad eziologia variabile.
Le varie forme di proctite sono tutte caratterizzate da sintomi simili.

Proctiti Specifiche:

  • Infettiva (batteriche, virali): da malattie trasmesse sessualmente (p. es., gonorrea, sifilide, di solito secondaria; Chlamydia trachomatis;  herpes simplex; citomegalovirus [CMV]) o da altre infezioni (p. es., Campylobacter, Shigella, Salmonella). I germi patogeni trasmessi sessualmente producono proctiti molto più spesso nei maschi omosessuali. I pazienti immunodepressi sono particolarmente  a rischio per le infezioni da herpes simplex e da CMV.

  • Parassitarie,

  • Iatrogene (Farmaci locali o sistemici come gli antibiotici, Radioterapia),

  • Traumatiche (Prolasso rettale, clisteri, sodomia, psicosi),

  • Ischemiche (Rare).


Proctiti Idiopatiche (forme di proctite ad eziologia sconosciuta):

  • Retto-Colite Ulcerosa (RCU)

  • Morbo di Crohn.

  • Sindrome da diversione del retto, si verifica in pazienti che hanno il retto intatto con una colostomia o un'ileostomia.


Sintomi, segni e diagnosi
Le manifestazioni cliniche più frequenti, durante la proctite,sono rappresentate dal tenesmo anale e rettale (bisogno doloroso di evacuare con scarse o assenti emissioni di feci) ,bruciore anale, dolore alla defecazione, ematochezia (emissioni con le feci di sangue o perdite di sangue), perdite di muco e talora pus.

Se la presenza  e l'intensità di uno piuttosto che di un altro di tali sintomi sono correlate al grado di infiammazione,non possono essere però considerati specifici di una delle elencate malattie.
Bisogna allora considerare anche le relazioni esistenti tra comparsa del dolore e defecazione.
Successivamente alla fase anamnestica si impone una visita della regione perianale all'eventuale ricerca di elementi che possano indirizzare verso la causa della proctite (lesioni infettive, da malattie sessuali, da traumatismi, prolasso rettale, emorroidi,  ragadi etc).
Ancora,seguirà l'esplorazione rettale digitale e l'ano-rettoscopia. Le proctiti dovute a gonorrea, herpes simplex o CMV possono causare un dolore anorettale. La diagnosi richiede una proctoscopia o una sigmoidoscopia, che possono rivelare una mucosa  rettale infiammata. La diagnosi viene posta mediante uno striscio e una coltura della parete rettale per batteri, funghi e virus patogeni; il test di Tzanck per la visualizzazione microscopica di cellule giganti multinucleate; i test sierologici per la  sifilide; e la ricerca nelle feci del Clostridium difficile. A volte è necessaria una biopsia della mucosa. La valutazione degli altri tratti dell'intestino con l'endoscopia o l'rx può essere necessaria in alcuni pazienti.

Torna ai contenuti | Torna al menu